Funky Winkerbean

 ESCAPE='HTML'

Creata dal cartoonist Tom Batiuk e apparsa per la prima volta sui quotidiani statunitensi il 27 marzo 1972, inizialmente distribuita dal Pubishers Hall-Syndicate e successivamente dal King Features, Funky Winkerbean è una delle strisce di maggiore successo negli Stati Uniti, avendo raggiunto una distribuzione su oltre 400 giornali. 

La particolarità di questa serie, che vede protagonista il Funky Winkerbean del titolo, è quella di essere nata come striscia dal carattere prevalente umoristico, ma di essere riuscita, grazie all'intelligenza e alla profonda sensibilità del suo autore, a toccare nel corso degli anni variegati temi sociali e riguardanti la salute quali la depressione giovanile, la droga, la dislessia, il cancro al seno, l'uso delle armi, la discriminazione razziale e molti altri ancora.

Attraverso queste tematiche, affrontate da Batiuk con un tocco profondo e "gentile" al tempo stesso, Funky Winkerbean si è fatta apprezzare moltissimo dai propri lettori, a parte qualche controversia nata da settori più radicali. Rilanciata un paio di volte nel corso dei suoi oltre 40 anni di pubblicazione sui quotidiani, la striscia ha visto a un certo punto l'autore optare per una serie "in progress", decidendo quindi di fare invecchiare Funky e gli altri personaggi.

Del tutto inedita in Italia, Funky Winkerbean ha dato vita a due spin-off, John Darling e Crankshaft. La prima, nata nel 1979 e conclusasi nel 1990 con la morte del protagonista, mentre la seconda ha debuttato nel 1987 e continua tutt'ora, scritta dallo stesso Batiuk e disegnata da prima da Chuck Ayers e attualmente da Dan Davis.