Andy Capp

 ESCAPE='HTML'

Creata dal cartoonist Reginald "Reg" Smythe nel 1957, e apparsa sul quotidiano britannico Daily Mirror, Andy Capp è la striscia inglese più conosciuta a livello internazionale e certamente la più identificativa per quanto riguarda la classe media del Regno Unito, soprattutto quella composta dai disoccupati.

Perennemente disoccupato, Andy Capp riempie il suo tempo tra il pub (dove la maggior parte delle volte le sue discussioni finiscono in una bella rissa) la strada, le partitelle a pallone e infine la propria abitazione, epicentro principale delle sue vicissitudini matrimoniali.  A differenza di Blondie e Dagoberto, che da oltre 70 anni allietano con il loro romantico umorismo i quotidiani USA, Andy Capp e sua moglie Flo non sono per niente il ritratto dell'amore, visto che entrambi sembrano fin dall'inizio cercare più di sopportarsi a vicenda che a convivere "fino a che morte non li separi".

Il tutto condito da Smythe con un sarcasmo pungente che ha reso la striscia famosissima sia in patria che all'estero. Connotata da un ottimo tratto grafico, Andy Capp è stata continuata dal suo autore ininterrottamente fino alla morte, avvenuta nel 1998 e successivamente continuata da diversi autori, anche se fino al 2004 questi erano sconosciuti al grande pubblico, in quanto in calce alla striscia continuava a comparire la firma di Smythe.

Dopo che a prendere le redini della serie sono stati Roger Kettle ai testi e Roger Mahoney ai disegni, Andy Capp è attualmente continuata dagli sceneggiatori Lawrence Goldsmith e Sean Garnett, con Mahoney che prosegue il suo compito di mantenere inalterate le atmosfere grafiche della striscia.

Da segnalare che, seppur il protagonista sia sempre stato poco restio a parlare di politica, nel settembre del 2019 il personaggio si è schierato apertamente contro la Brexit, ovvero la scelta della Gran Bretagna di uscire dall 'Unione Europea.